• Credenza Sauna

    piccole Maestà erette nei campi

    Il giornale locale ci ha raccontato delle due maestà con le madonnine che sono rimaste in piedi, a Sauna, in mezzo alla terra smossa dalla spaventosa frana del 2013.
    Le maestà con le immagini sacre venivano messe nei campi esattamente per quel fine, proprio per … “tener su le frane”! Le frane erano il risultato delle acque sotterranee che abitavano l’Appennino e, a volte, si manifestavano in superficie. In modi diversi. Quando un tratto di scarpata di pochi metri si lasciava scivolare sulla strada, allora si chiamava, in dialetto di
    Corniglio, “un cagón” . Si alzavano le spalle e si rimetteva la terra al suo posto con una carriola, un badile e un muro a secco, chè di sassi ce n’erano e la bravura per farli…c’era anche quella..
    Una massa di terra più ampia e profonda, che prendeva a scivolare a valle portando con sé alberi e manufatti, invece, faceva paura: si chiamava “lama” e i toponimi delle valli sono pieni di campi che si chiamano Lama, Millelame, Lamone. In altri paesi il dialetto è diverso: in Val Cedra, per esempio, la frana si chiama “Latta” e i toponimi abbondano anche qui.
    Quando la lama minacciava di portarsi via un campo (e parliamo di quei lembi di prato in ripida discesa, contesi anno dopo anno ai boschi e alle pietre, per poter seminare qualche cosa sui fianchi dell’Appennino), allora si cercava di intercettare l’acqua sotterranea con scavi e canalette, poi si cercava di contenere la terra con muri e alberi, infine, come estrema soluzione… si costruiva una “maestà”.
    Non una vera cappelletta di paese, di quelle che si trovano ancora al bivio delle strade, con l’immagine scolpita e il davanzalino per poggiare il barattolo (il canón) coi fiori, ma una maestà di quelle piccole, appena un pilastrino di sassi, alto poco più di un metro, a due spioventi, e una immagine sbozzata, appena leggibile.
    A questo piccolo testimone simbolico la fede popolare attribuiva l’enorme potere di “fermare la frana”. Alle forze misteriose e sotterranee si opponeva la forza della religione, del simbolo di fede. La frana non avrebbe travolto un simbolo sacro, lo avrebbe risparmiato!
    Così si spiegano certi piloncini di sassi, col tetto di due piane, che spuntano ancor oggi, in mezzo a discese ripide d’erba, come comignoli di case sepolte.
    Lontani da qualunque circuito di devozione; il minimo sindacale, quanto a costruzione. Ma tenacemente intrepidi e, soprattutto, infallibili !
    ( www.agnadicorniglio.it)

    Informazioni aggiuntive

    Categoria

    Credenza

    Comune

    Sauna

    Indirizzo

    Sauna, 37, 43021 Sauna PR, Italia

    Inviato da

    Rosa Lia Simonetti
     

    piccole Maestà erette nei campi

    Sauna, 37, 43021 Sauna PR, Italia
  • FAQ

    Cosa posso segnalare?

    Puoi segnalare tutto ciò che ritieni culturalmente importante e che secondo te identifica il territorio e la comunità parmensi. Il bene segnalato può essere di natura materiale (un immobile, oggetti d’uso quotidiano, giochi…) oppure immateriale (leggende, canti tradizionali, riti…). Il bene non deve avere necessariamente un valore storico-artistico e turistico, ma deve essere espressione di un valore nel quale la comunità parmense si riconosce.

    Che cos’è un’eredità culturale?

    È un insieme di beni, oggetti, tradizioni, melodie, paesaggi, percorsi che rappresentano la realtà che ci circonda e che ci porta a volerlo condividere con gli altri membri della comunità a cui si è vicini e legati.

    Cosa si intende con “comunità patrimoniale”?

    Con comunità patrimoniale s’intende un gruppo di cittadini che vuole sostenere, con pubbliche azioni, un patrimonio culturale ritenuto degno di essere trasmesso alle future generazioni.

    Perché partecipare?

    Partecipare come individui, all’ interno di una realtà territoriale concreta, per segnalare i beni e l’eredità culturale nei quali vi rispecchiate e che vorreste salvaguardare.

    Cosa sperate di ottenere?

    Speriamo di ricavarne un vero e proprio inventario che permetta di salvaguardare tutti quegli aspetti/elementi identitari che caratterizzano ogni comunità del territorio parmense. Grazie al vostro contributo e grazie alla possibilità di geolocalizzare il bene segnalato sarà, inoltre, possibile realizzare mappe sovrapponibili; da tali mappe emergerà una visione concreta della dislocazione di tutti gli elementi segnalati.

    Come vengono trattati i miei dati?

    I dati personali saranno visibili unicamente dal gestore del sito e non saranno consultabili dagli utenti che accederanno alla piattaforma al fine di inserire una propria segnalazione. Tali dati verranno trattati dall’ente gestore nel rispetto scrupoloso delle norme vigenti sulla privacy.

    Come faccio a caricare una fotografia, un audio o un video?

    Nella sezione 5 del modulo, trascinare i file nell’apposito form direttamente dal proprio computer oppure cliccare sul bottone “Seleziona i file” e sceglierli attraverso l’apposita finestra di dialogo.

    Posso segnalare un elemento culturale riguardante un territorio differente dal luogo di mia residenza?

    Certamente è possibile segnalare ciò che si ritiene faccia parte del proprio bagaglio culturale, al momento l’unico limite territoriale è posto entro i confini della provincia di Parma.

    È possibile fare una segnalazione in forma anonima?

    Non è possibile fare una segnalazione anonima poiché non rispecchia la finalità di questo progetto, ovvero l’avvio di comunità patrimoniale intesa come insieme di persone riunite attorno/attraverso un elemento comune e che ne definisce in qualche modo l’identità.

    Come posso inserire dati che ho raccolto nel tempo da altre persone che me le hanno raccontate?

    È sufficiente compilare il modulo per il numero di volte quanti sono i contributi da inserire.

    È possibile fare una segnalazione che vale per più persone?

    Sì, basta compilare il modulo un’unica volta e inserire nei dati personali il nome del gruppo o dell’organizzazione o, in alternativa, il nome e cognome di un singolo rappresentante del gruppo.

    Chiunque può inserire oggetti patrimoniali o solo i residenti in provincia di Parma?

    Chiunque, ma gli oggetti patrimoniali segnalati devono fare riferimento esclusivamente a Parma e provincia.

    Come posso geolocalizzare un bene che copre un areale vasto?

    In questa circostanza, come per esempio un racconto diffuso in una intera valle, piuttosto che una ricetta tipica di un intero comune o più comuni, sarà sufficiente inserire il luogo che si ritiene più pertinente e specificare nel campo libero, dedicato al racconto, l’areale interessato.

    Chi approverà o meno i contenuti che verranno inseriti? Con che criterio?

    I contenuti verranno approvati da un team di esperti che analizzeranno le proposte e le segnalazioni fornite dai cittadini.

    Dopo quanto tempo i contenuti saranno visibili online?

    Tutti i risultati del progetto verranno pubblicati periodicamente dopo la verifica del team di esperti.

    La raccolta di dati è finalizzata a un progetto già definito da attuare sul territorio?

    La raccolta dei dati è finalizzata alla realizzazione di un archivio – un database, visualizzabile anche su mappe, attraverso Gis – che verrà messo a disposizione delle comunità stesse, così come delle amministrazioni locali, affinché da questi dati possano scaturire iniziative, eventi, incontri volti alla loro valorizzazione.